Tema 1 Le piante alimentari

Definizione: Il giardino creolo è definito dalle piante che lo compongono e dalle tecniche di coltivazione utilizzate.

Nelle piante essenziali per il giardino, troviamo:

Piante alimentari

Piante medicinali

Piante di protezione, ornamentali e di confine

Piante accessorie e piante foraggere

Diverse tipologie di piante compongono il giardino creolo e permettono alle famiglie di essere autonome.

« Ortaggi a radice: »

Questa prima categoria di piante fornisce alla famiglia zuccheri lenti (amidi). Come l’igname, la patata dolce, la manioca, la dasheen, crescono nel terreno, il che è un vantaggio in caso di ciclone. È una coltura lunga (da 6 a 12 mesi per produrre).

Sementi, cereali e piselli: attualmente, cereali come il riso, il sorgo o il mais non sono ampiamente coltivati in Martinica. D’altra parte, il piccione è parte integrante del paesaggio e viene tradizionalmente mangiato la vigilia di Natale con maiale arrosto e igname. Essendo un fabacea, arricchisce il terreno in azoto, grazie ad una simbiosi con un batterio.

Ortaggi e legumi verdi”:

Oltre agli ortaggi già presentati sopra, una grande varietà di specie sono presenti nei giardini creoli. Ad esempio, possiamo vedere pomodori, cetrioli, melanzane, giromons (zucca locale), fagiolini, insalate, cavoli, prezzemolo…

I frutti : Una grande varietà di frutti sono visibili anche nei giardini: carambola, papaia, mango, mela alla cannella, soursop, albicocca, ciliegia.